Dancalia: Tribù, Vulcani e Laghi Salati

Etiopia

Colline di Dallol
Bati, mercato del lunedì
Estrazione del Sale
Vulcano Erta Ale
Dallol
Vulcano Erta Ale
Lago Afdera
Colline Dollol
Erta Ale
Vulcano Erta Ale
Un tour in Etiopia in Dancalia tra tribù, vulcani e laghi salati. Un breve viaggio, ideale per combinazioni con altre regioni dell’Etopia, che coniuga aspetti etnografici e culturali (visita agli animati mercati di Sembete e Bati, chiese rupestri del Tigray) alle meraviglie geologiche della Dancalia, la terra degli Afar, landa desertica dalla natura severa e inospitale dai paesaggi selvaggi e primordiali tra sterminate pianure saline arroventate dal sole, laghi salati, vulcani e laghi acidi da colori surreali e psichedelici. Un’esperienza molto intensa riservata e consigliata a veri viaggiatori con spiccato spirito di adattamento. Viaggio in veicolo fuoristrada con autista e guida locale multilingua (inglese-italiano) e pernottamenti in hotel e bivacco/campo tendato mobile. Voli Ethiopian Airlines da Milano a Roma. Parti per un Tour in Etiopia con African Explorer, il tour operator specializzato in viaggi e safari in Africa da 40 anni.

Tipologia

Viaggio di gruppo a date fisse

Durata

9 giorni - 6 notti

IMPORTANTE

Guida locale multilingue parlante INGLESE-ITALIANO

Gruppo

Minimo 2 - Massimo 12 partecipanti

Partenze

Tutti i Venerdì dall'Italia da Novembre a Febbraio 2021

Sistemazione

Hotel di categoria turistica e bivacco/campo tendato mobile

Trattamento

Mezza Pensione

Trasporti

Veicolo fuoristrada

Voli

Di linea Ethiopian Airlines in classe economica da Milano e Roma e dai maggiori aeroporti italiani.

Note

Itinerario impegnativo di grande interesse naturalistico ed etnografico (incontro con i popoli dell’altopiano e i nomadi Afar in Dancalia) che richiede spirito di adattamento (numerose notti al campo, percorsi fuoristrada su piste talvolta dissestate, polverose e disagevoli, temperature elevate) e, in particolare per l’escursione al vulcano Erta Ale, una buona forma pisco fisica nonché abbigliamento ed equipaggiamenti adeguati (scarponcini da trekking, pantaloni lunghi in cotone ad asciugatura rapida, camicia a maniche lunghe, cappellino parasole, pile, crema solare ad alto fattore di protezione, repellente per insetti, zainetto)

Il clima della depressione calda, decisamente secco, è tra i più caldi al mondo e risulta sopportabile esclusivamente nel periodo invernale (Novembre-Febbraio) con temperature diurne intorno ai 40°C e notturne sui 20°C.

Viaggio a bordo di veicoli fuoristrada tipo Toyota Land Cruiser con occupazione massima di 5 passeggeri (compresi autista e guida). Veicolo di appoggio dedicato al trasporto di materiale ed equipaggiamento.

Pernottamenti in hotel (Addis Abeba e Semera) e bivacco / campo tendato mobile.

Nei villaggi della Dancalia non sono presenti strutture ricettive se non le semplici abitazioni locali con comfort e condizioni di pulizia ben al di sotto degli standard accettati. Pertanto, grazie alle temperature notturne miti, i pernottamenti saranno in bivacco con le brandine alla luce delle stelle. Sono comunque a disposizione senza alcun supplemento tende a iglu per chi non gradisse dormire all’aria aperta.

L’organizzazione in loco fornirà l’attrezzatura da campo (tende, brandine, materassini con doccia e wc chimico) ad eccezione di sacco a pelo e cuscino a cura dei partecipanti.

1° GIORNO: Partenza dall'Italia

Partenza dall’Italia con volo di linea notturno per Addis Abeba. Arrivo previsto per l’indomani, pernottamento a bordo.

Dal 1 Luglio è previsto un collegamento giornaliero diretto da Milano per Addis che si affiancherà a quello già esistente da Roma. In alternativa sono possibili collegamenti da principali aeroporti italiani via Francoforte (sia con Ethiopian Airlines che con Lufthansa) o Istanbul (Turkish Airlines). Nel caso di voli diurni con arrivo ad Addis Abeba in tarda serata si renderà necessario un pernottamento aggiuntivo ad Addis.

2° GIORNO: Addis Abeba

Arrivo di primo mattino all’aeroporto internazionale Bole. Dopo aver sbrigato le formalità di sbarco e ottenuto il visto d’ingresso di US$ 50, incontro (all’uscita degli arrivi) con la guida locale di lingua italiana e inizio delle visite con l’interessante Museo Nazionale che vanta, oltre ai resti della celebre Lucy, una bella raccolta archeologica ed etnografica con bei costumi e paramenti in mostra. Di sicuro interesse anche il la Cattedrale di San Giorgio, costruita per celebrare la vittoria di Adua da un architetto italiano catturato proprio nel corso della battaglia. Pomeriggio a disposizione.
Pasti liberi e pernottamento in hotel Sabon.

3° GIORNO: Addis Abeba - Sembete - Dessie

Partenza per Sembete a 270 km a nord est di Addis Abeba percorrendo, lungo il lato orientale dell’altopiano etiope, l’arteria stradale che collega la capitale al Nord del paese in direzione dell’Eritrea. Visita del colorito e caotico mercato domenicale dove le diverse etnie - come Oromo, Amhara o Afar - si ritrovano per comprare, vendere o barattere di tutto. Particolarmente interessante la sezione del mercato dedicata la bestiamo dove si trattano cammelli, asini, bovini e ovini.
Pranzo in un ristorante locale, cena e pernottamento in hotel.

4° GIORNO: Addis - Bati - Semera

Si prosegue per Bati per la visita del famoso mercato del Lunedì, uno dei più grandi del paese dove affluiscono le carovane di cammelli con il sale della Dancalia e importante anche per il commercio di bestiame e prodotti agricoli. Muovendosi in direzione del Mar Rosso e la depressione Dancala, l’altopiano comincia a digradare e l’aria perde la freschezza dell’altopiano per farsi più calda e secca. Si raggiunge infine Semera, cittadina capoluogo della regione Afar, posta a poco pù di 400 metri di altitudine. Qui si sbrigheranno le formalità per ottenere i permessi per visitare la regione con assegnazione della guida locale Afar e della scorta armata che accompagneranno il gruppo durante la permanenza in Dancalia.
Pranzo a picnic, cena e pernottamento in hotel.

5° GIORNO: Semera - Lago Afrera - Vulcano Erta Ale

Da Semera, percorrendo una strada asfaltata recentemente rimodernata, ci s’inoltra in una piatta regione
piatta e desertica sulla quale si staglia lontana all’orizzonte la sagoma del cono vulcanico Afrera, incontrando lungo il percorso alcuni villaggi di nomadi Afar.
Si giunge al lago Afrera, conosciuto ai tempi della colonizzazione italiana come lago Giulietti, situato a 110 metri circa sotto il livello del mare. Si tratta di uno specchio d’acqua salmastra circondato da basalti ad alto contenuto salino attorno al quale sono sorte numerose saline.
Dal lago Afrera si prosegue poi per le falde dell vulcano Erta Ale, uno dei pochi vulcani al mondo attivi con un lago di lava incandescente, proveniente da una frattura della crosta terrestre, in continua ebollizione. Si lasciano i veicoli e con acqua, viveri ed equipaggiamento caricati sui cammelli si prosegue si parte a piedi dopo il tramonto per la cima del vulcano dopo il tramonto si sale in cima al vulcano (10 km, 600 metri di dislivello, 3-3,5 ore circa). Per chi non desideri camminare sino alla cima possibilità di prendere a nolo un cammello. Raggiunta la cima si cena per poi scendere nel cratere del vulcano sino al bordo della caldera. Qui lo spettacolo è unico, una vera e propria anticamera dell’inferno con la lava che sgorga dai crateri posti sul fondo della caldera!
Naturalmente si tratta di un fenomeno geologico in continua evoluzione e imprevedibile; le condizioni locali e in particolare la possibile attività gassosa del vulcano può ostacolare se non impedire la visione dello spettacolo generato dal fluire e ribollire della lava.
Pernottamento in bivacco dormendo sui materassini all’aria aperta oppure, nel caso faccia freddo o tiri troppo vento, nei semplici ripari in pietra che sorgono sulla vetta.
Pranzo a picnic, cena e pernottamento in bivacco.

Dancalia
La terra degli Afar, una landa desertica di circa 150.000 kmq divisi fra tre Paesi: Etiopia, Eritrea e Gibuti, dalla natura severa e inospitale dai paesaggi selvaggi e primordiali tra sterminate pianure saline arroventate dal sole, laghi salati, distese laviche, vulcani e laghi acidi da colori surreali e psichedelici. Tra i luoghi più caldi della terra, dal punto di vista geologico la Dancalia è una grande depressione lungo la Rift Valley, la grande faglia che taglia il continente africano, nata dal sollevamento e il successivo sprofondamento del fondale marino che scende in alcuni punti fino a 150 metri. Numerosi i motivi di interesse naturalistico come il vulcano Erta Ale dalla caldera lavica perennemente attiva, le stupefacenti formazioni saline e le pozze d’acqua multicolori dai Dallol all’abbacinante Piana del Sale In questa terra inospitale bagnata dal solo fiume Awash riescono solo a sopravvivere i fieri nomadi Afar, chiamati anche Danakil, che traggono magro sostentamento allevando capre e dromedari oppure commerciando il sale.

6° GIORNO: Vulcano Erta Ale - Ahmed Ale

Di prima mattina all’alba, così da sfruttare le ore più fresche della giornata, discesa del cratere al campo base e, dopo colazione, partenza per la piana del sale.
Si percorre inizialmente la desolata e desertica piana di Rorom fino a giungere alla lussureggiante oasi di Waideddo, ricca di paleti. Da qui lungo una pista di sabbia si giunge finalmente alla Piana del sale (nei pressi del lago Assale coperto da un sottile velo d’acqua quando - tra Giugno e Settembre - il vento trascina l’aria umida dal Mar Rosso, asciugato poi dal venti caldi che spirano dagli altipiani. Allestimento del campo nel villaggio di Ahmed Ale dove approdano le ultime carovane che trasportano il sale dai luogi di estrazione fino all’altipiano.
Pranzo a picnic, cena e pernottamento in bivacco.

L'estrazione del sale
Nella Dancalia settentrionale si stende un’immensa pianura salina, un vero e proprio deserto di salgemma da cui vengono estratti, come in una miniera a cielo aperto, in maniera estreamamente rudimentale, delle mattonelle di sale trasportati verso l’altopiano da carovane di dromedari. L’arrivo della strada asfaltata ad Ahmed Ale e l’inizio dello sfruttamento su scala industriale delle saline del lago Afdera sembrano presagire profondi cambiamenti e al prossimo estinguersi delle antiche tradizioni.

7° GIORNO: Escursione a Dallol

Intera giornata di escursione a Dallol per visitare le famose pozze di sale colorate e la “Città fantasma”.

Dallol è un vulcano collassato, l’unico con il cratere sotto il livello del mare. Qui l’attività geotermica del sottosuolo da origine a sorgenti geyseriane che portano in vapori bollente a elevata concentrazione salina che reagendo con i minerali presenti del terreno si cristallizzano creando un patchwork di surreali pozze d’acqua e laghetti acidi multicolori dalle incredibili tonalità psichedeliche. Un’atmosfera infernale grazie anche al caldo intenso e ai vapori di zolfo che permeano l’atmosfera.
L’attività geotermica di Dallol è un fenomeno naturale e pertanto imprevedibile. Talvolta per ridotta o assente emissione di vapori salini il sale può assumere una colorazione più uniforme con uno spettro di colori più limitato.


La visita prosegue con le colonne di Dallol, una distesa di guglie,, spire, pinnacoli e cuspidi di diversa forma e dimensione, una sorta di città fantasm

8° GIORNO: Dallol - Mekele - Addis Abeba e partenza per l'Italia

Prosecuzione per Mekele con, tempo permettendo, soste per visite lungo il percorso (es. chiesa monolitica di Wuikro Cherkos. Nel pomeriggio volo per Addis Abeba. Imbarco sul volo notturno per l’Italia con arrivo previsto per l’indomani, pernottamento a bordo.

9° GIORNO: Arrivo in Italia

Arrivo in Italia e fine dei servizi.

QUOTE PER PERSONA IN EURO

Partenze ogni Venerdì
PeriodoIn Camera DoppiaSuppl. Singola
dal 01/11/20 al 15/12/203.430170
dal 16/12/20 al 06/01/213.650170
dal 07/01/21 al 28/02/213.430170
Tasse aeroportuali: € 240

La quota include:
• passaggi aerei intercontinentali in classe economica
1) al momento della prenotazione verificate che il nome comunicato corrisponda esattamente a quello riportato sul passaporto. Eventuali spese di riemissione a causa di nomi comunicati errati saranno a carico del cliente.
A tale proposito consigliamo di trasmettere via fax o e-mail la copia del passaporto.
2) per evitare spiacevoli imprevisti preghiamo i cittadini con passaporto straniero di comunicarlo in fase di preventivo, o nel momento stesso della prenotazione, per verificare eventuali visti d’ingresso richiesti.
3) le quote di partecipazione sono calcolate utilizzando una “tariffa aerea speciale” in classe economica. In fase di prenotazione, se non ci fosse disponibilità nella classe speciale, le quotazioni potrebbero subire delle variazioni di prezzo.
• trasferimenti ad Addis Abeba
• volo domestici Mekele-Addis Abeba
• trattamento di mezza pensione
• pernottamenti in hotel di categoria turistica nelle strutture indicate nel programma o simili
• trasferimenti e trasporti in veicolo fuoristrada 4x4
• assistenza di guida locale multilingua (inglese-italiano) coadiuvato da uno staff locale comprendente cuoco e assistenti da campo e, per l’ascesa al vulcano Erta Ale, di guida locale Afar e scorta armara
• equipaggiamento da campo
• visite, escursioni e attività come nel programma
• 3 bottiglie da 1,5 litri di acqua minerale per persona al giorno
• assicurazione annullamento, medico, bagaglio e ritardo volo

La quota non comprende:
• tasse aeroportuali, indicative - in funzione della compagnia aerea utilizzata e dell’istradamento - e da riconfermarsi al momento della prenotazione
• eventuali voli domestici
• sacco a pelo e cuscino
• visto d’ingresso di US$ 50
• bevande, visite, attività e trattamenti non espressamente indicati
• mance, facchinaggi ed extra di genere personale
• eventuali spese per la consegna di bagagli in ritardo
Visualizza Condizioni Generali di Contratto e dettaglio Assicurazioni
Cambi applicati:
1 Euro = 16.00 Rand Sudafricani
1 Euro = 1.11 USD
Etiopia|6
Etiopia
Aggiornamento: 17/04/20 14:50